martedì 26 febbraio 2013

Da grande voglio fare la ballerina!




La Ballerina proviene dal mondo della danza grazie al famoso ballerino e coreografo francese Roland Petit,
 che lanciò la scarpa ballerina negli anni '60.
Resa celebre poi da personaggi cult come Brigitte Bardot, Jacqueline kennedy e Audrey Hepburn.
Oggi è un must nel mio guardaroba, possiedo almeno 12 paia di ballerine e questa collezione è destinata a diventare molto più ampia!
Comode e versatili, all'occasione anche eleganti.
Basti pensare che al giorno d'oggi vengono prodotte anche ballerine per il giorno più importante, il Matrimonio!


Quindi nonostante i continui cambiamenti dettati dalla moda, la ballerina resiste rinnovandosi ogni stagione in diversi materiali e colori.





Continua quindi dopo il CoolHunterItalyTradeShow su PursesintheKitchen 
la scoperta di Brand Made in Italy, oggi parliamo di:

Scarpette da ballo italiane


Anniel nasce nel 1976 dallo spirito di una piccola realtà familiare di Montebelluna, nella provincia di Treviso e si dedica da subito al settore delle calzature e dell’abbigliamento sportivo.
La danza diventa il suo core-business e il progetto cresce grazie alla passione del suo fondatore e all’esperienza di una manodopera qualificata, con una forte attenzione alla qualità e allo stile.
Tutto questo consolida la realtà del Made in Italy e Anniel inizia ben presto ad esportare i suoi prodotti di nicchia anche all’estero.
Nei primi anni del 2000 prende piede il progetto moda grazie alla sinergia di un partner Giapponese che si innamora della scarpina jazz e la trasforma in un must-have che va a ruba nei migliori negozi di Tokyo, Osaka e Nagasaki.




(Scarpe Soft , nate come scarpe indossate da artisti di strada durante le loro esibizioni, particolarmente morbide e adatte ai  movimenti grazie alla speciale suola in gomma, le scarpine soft sono diventate oggi un articolo di tendenza che non può mancare nel guardaroba di chi segue i ritmi frenetici della moda. 
Richiestissime in Giappone dove i giovani le abbinano ai look di tutti i giorni, hanno creato un modo nuovo di vestire e di interpretare il concetto moda.)

Quest’esperienza spinge Anniel a credere in una nuova sfida che diventa in fretta vera e propria realtà, 
trasformando la ballerina Anniel in un’icona nel suo genere.
La forza del marchio sta nella ricerca di materiali e colori ma anche nel non perdere di vista il suo punto di partenza: 
il mondo della danza e la qualità che contraddistingue i suoi prodotti.
Tutti i modelli sono infatti vere e proprie evoluzioni di quel mondo e si affermano sul mercato nel rispetto della propria tradizione artigianale che l’azienda porta avanti con orgoglio.

La Collezione AW13 è fortemente ispirata ai materiali preziosi, sia pellami che tessuti, che hanno travolto dopo il mondo dell’abbigliamento anche quello della calzatura. 
A fianco ai tessuti glitter e alle croste shiny si aggiungono
materiali innovativi e di tendenza dalle croste incastonate con stone, ai disegni di pailettes fino a stampe in rilievo. 
Rimane forte il desiderio di giocare anche
con texture e tessuti diversi, dalle stelle, alle righe, al pizzo, ai pois sia per le
ballerine che per le scarpine soft, i must-have Anniel tutti Made in Italy.
Si riaffermano per questa stagione due delle novità Anniel con spunti sempre diversi: 
il dopo-sci Anouk e la sleeper firmata Anniel. 


Il primo prosegue la fortunatissima stagione precedente lanciando anche la collezione bambino.
La sleeper invece ci regala un gusto tutto rock, che gioca con materiali luccicanti e sexy e conferisce a questo classico del vintage un look fresco e che fa tendenza.
La vera novità è però la classica Oxford shoe realizzata con materiali preziosissimi e montata su platform alti e piatti a contrasto. 


Un cenno più fashion che non deluderà le più attente in fatto di trend, senza rinunciare alla
qualità e alla comodità che contraddistingue da sempre i prodotti Anniel!
Trovate Anniel ai seguenti link:
sito web Anniel 
facebook Anniel
xxx


Share:

Nessun commento

Posta un commento

© PursesintheKitchen Blog by Carola Disiot | All rights reserved.
Blogger Template by pipdig